Archivi categoria: comunità in resistenza

Ciao Lorenzo “Capellone” HASTA LA VICTORIA SIEMPRE!!!

ieri pomeriggio se n’è andato Lorenzo Bargellini del movimento di lotta per la casa di Firenze una perdita immensa sia dal punto di vista politico che umano. il csa intifada  con Lorenzo aveva un rapporto storico, fin da prima dell’occupazione a metà degli anni 80 le compagne e e i compagni che diedero vita al centro sociale, promuovevano iniziative politiche ambientali come la campagna antinucleare contro il PEC del Brasimone e poi contro la discarica di fanghi conciari di Casa Carraia  con Lorenzo e con i compagni di  Comunicazione Antagonista di via di mezzo 46 a Firenze,  é stato al nostro fianco quando occupammo la sala consiliare di  comune di San miniato contro la discarica di san miniato, era al nostro fianco negli anni 90 quando contestammo a Fucecchio l’arrivo del fascista Fini ad inaugurare una sede del MSI  era sempre al nostro fianco  quando i carabinieri ci caricarono sempre a Fucecchio il 25 aprile ad inizio anni 90 perché volevamo che fosse dedicata una strada ai martiri del padule….l’elenco delle iniziative che  abbiamo condiviso copre gli ultimi 30 anni! per noi  era un fratello un compagno che ci ha insegnato tanto, sempre disponibile al confronto e sempre in prima fila contro le ingiustizie, bastava chiamarlo ed arrivava per un consiglio, per partecipare ad un dibattito, con quel suo sorriso aveva sempre una parola per tutti, ci mancherai tantissimo ……  Ciao Lorenzo “Capellone” HASTA LA VICTORIA SIEMPRE!!!

le compagne e i compagni del csa intifada/comunità in resistenza

Finalmente la notizia che stavamo aspettando.

 

Finalmente la notizia che stavamo aspettando.

Il Gip del Tribunale di Firenze ha archiviato la querela che Stefano Mugnaini del Consorzio Mc Multicons aveva sporto nei confronti della portavoce del Cobas Empoli Valdelsa, “colpevole” di aver criticato pubblicamente, il 1.3.2016 in Piazza a Empoli in occasione della Giornata internazionale dei migranti, l’operato del consorzio che si occupa, fra l’altro, di accoglienza profughi.

Ecco le parole del Gip:

“ l’accoglienza da parte del Mugnaini non appare essere stata improntata alla “trasparenza”. Se costui non avesse avuto nulla da nascondere, non vi sarebbe stato alcun motivo per negare l’accesso, oppure affrontare in modo duro, con epiteti di natura politica e/o di aggancio politico, l’indagata, che comunque aveva in quel momento sicuramente un ruolo nell’interesse della comunità.

Le notizie prospettate quindi non sono per nulla false.”

Nell’attesa degli esiti delle indagini generali della Procura di Firenze e dell’archiviazione di un’ulteriore querela che un altro attivista ha ricevuto sempre per aver espresso pubblicamente la sua opinione sull’operato della Multicons, continueremo a dire quello che pensiamo e a fare la nostra battaglia per  la gestione completamente pubblica e trasparente dell’accoglienza dei richiedenti asilo e l’istituzione immediata di commissioni indipendenti  che vigilino sull’operato delle cooperative/associazioni che gestiscono i centri sul nostro territorio.

Ringraziamo sia l’avvocato che ha seguito la vicenda sia tutti quelli che ci hanno espresso la loro solidarietà.

 

Cobas Empoli-valdelsa aderente alla Confederazione Cobas del lavoro privato

Comunità in Resistenza / CSA Intifada